Bonus 100 euro in busta paga: guida completa e novità per il 2024

Il nuovo anno porta con sé una buona notizia per i lavoratori dipendenti italiani: il tanto atteso bonus da 100 euro in busta paga è confermato anche per il 2024. Questa agevolazione, comunemente conosciuta come “ex bonus Renzi,” si preannuncia come un sostegno finanziario significativo per chi rientra nelle specifiche soglie reddituali. In questo articolo, esploreremo i dettagli, chi ne beneficia, chi è escluso, e le ultime novità, compreso il rimborso per coloro che non hanno percepito l’importo nei mesi precedenti.

Bonus confermato per il 2024

Anche quest’anno, i lavoratori dipendenti avranno la possibilità di godere di un aumento in busta paga grazie al bonus da 100 euro. Tuttavia, come vedremo, non tutti saranno destinatari di questa agevolazione.

Chi sono gli interessati

Il bonus è destinato principalmente ai lavoratori dipendenti con un reddito compreso tra i 15.000 e i 28.000 euro. È importante notare che l’erogazione avviene solo se le detrazioni superano l’imposta dovuta. Calcolare le detrazioni spettanti per le spese sostenute nell’anno fiscale precedente è cruciale per determinare l’idoneità al bonus.

Esclusioni

Sono esclusi i contribuenti incapienti, coloro con un reddito che rientra nella no tax area, i pensionati, i titolari di redditi professionali e le partite IVA, sia lavoratori autonomi che titolari di impresa.

Il rimborso

Una delle novità più interessanti è la possibilità di ottenere il rimborso per coloro che, pur avendone diritto, non hanno ricevuto il bonus in passato. Sarà necessario inviare la dichiarazione dei redditi e documentare le spese sostenute secondo gli articoli 12 e 13 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR).

Tipologie di spese considerate

Per calcolare le detrazioni, si terranno in considerazione diverse spese, tra cui i carichi di famiglia, i lavori edilizi e il mutuo per la prima casa.

Tempistiche e modalità di erogazione

Compilare il modulo richiesto non sarà possibile prima di maggio 2024, e l’Agenzia delle Entrate si occuperà successivamente del conguaglio, erogando le somme non percepite nel 2023.

Come funzionava il bonus Renzi

Fino al 2020, circa 16 milioni di lavoratori dipendenti beneficiavano dell’ex bonus Renzi, che copriva la fascia di reddito tra gli 8.174 e i 40.000 euro.

Leggi anche: Famiglie: i 21 bonus per l’anno 2024 che fanno la differenza

Leggi anche...