Bonus caldaia: guida completa al risparmio energetico nel 2024

Il 2024 sarà un anno ricco di novità e cambiamenti per quanto riguarda le detrazioni e i bonus casa, con particolare attenzione alle agevolazioni legate alle caldaie. Gli incentivi offerti per la sostituzione e l’installazione di impianti di riscaldamento sostenibili si configurano come strumenti fondamentali per chi desidera risparmiare e contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale.

Bonus caldaia: le nuove prospettive del 2024

Le detrazioni fiscali legate al bonus caldaia nel 2024 promuoveranno il passaggio a soluzioni tecnologiche più avanzate per il riscaldamento domestico. Le agevolazioni possono variare dal 50% al 65%, e per chi adotta il regime del Superbonus nel corso dell’anno, l’agevolazione può addirittura salire al 90% (dal 2024, sarà del 70%).

L’obiettivo principale di questi incentivi è incentivare la transizione verso impianti più efficienti, contribuendo al risparmio energetico e all’abbattimento delle bollette.

Direttiva UE case green: cambiamenti in arrivo dal 2024

La direttiva UE Case Green avrà un impatto significativo sugli incentivi futuri per le caldaie a combustibile fossile. L’obiettivo è contrastare gli sconti fiscali per gli impianti ad alte emissioni, spingendo verso soluzioni a energia pulita. Dal 2024, gli incentivi varranno solo per apparecchi alimentati da energie rinnovabili, con particolare attenzione alle pompe di calore.

Bonus caldaia con ecobonus 65%: come funziona

L’Ecobonus offre un’agevolazione del 65% per il bonus caldaia, anche senza l’abbinamento ad opere di ristrutturazione. Questa agevolazione si applica alla sostituzione di impianti invernali con sistemi a pompa di calore o all’installazione di impianti solari per la produzione di acqua calda.

È importante che la nuova caldaia appartenga a una classe energetica superiore e che questo miglioramento sia certificato da un tecnico esperto attraverso un Attestato di Prestazione Energetica (APE).

Bonus caldaia con superbonus: risparmio fiscale al 90%

Anche se l’acquisto e l’installazione delle caldaie non sono agevolati dal Superbonus 2023, è possibile ottenere una detrazione fiscale del 90% (70% dal 2024) se questi interventi sono parte integrante di un’opera di efficientamento energetico trainante. La nuova caldaia deve contribuire al miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio, certificato attraverso l’APE.

Bonus caldaia e cumulabilità con altri incentivi

Il bonus caldaia può essere combinato con altri incentivi come il bonus ristrutturazioni e il bonus mobili. Tuttavia, è importante notare che non è possibile cumulare più agevolazioni per lo stesso intervento. Ad esempio, se si usufruisce dell’Ecobonus al 65%, non si potrà richiedere contemporaneamente il bonus mobili o il bonus ristrutturazione per lo stesso impianto.

Sfrutta appieno le opportunità offerte dai bonus caldaia nel 2024, risparmia sulle spese energetiche e contribuisci a rendere la tua abitazione più efficiente dal punto di vista ambientale. Per ulteriori dettagli e aggiornamenti, consulta le ultime novità e l’elenco completo delle agevolazioni sul nostro sito.

TAG più visti

Leggi anche...