Pensione INPS: le date di pagamento per Giugno 2024 e le novità sugli importi

I pensionati italiani si preparano per il prossimo mese di giugno 2024 con importanti novità riguardanti le date di pagamento delle pensioni INPS. Questo articolo esplorerà le date esatte di accredito, le variazioni dovute ai giorni bancabili e non bancabili, e le possibili sorprese sugli importi, inclusi eventuali aumenti e arretrati.

Date di pagamento

Come ogni mese, anche per giugno 2024 le date di pagamento delle pensioni INPS non saranno uniformi per tutti i pensionati. Le variazioni dipendono dal metodo di accredito scelto e dalla definizione di giorni bancabili tra Poste Italiane e le banche. Il primo giugno di quest’anno cade di sabato, determinando alcune differenze nei giorni di pagamento.

Pagamenti tramite poste italiane

Per i pensionati che ricevono la pensione tramite Poste Italiane, il pagamento avverrà sabato 1 giugno 2024. Tuttavia, per coloro che ritirano la pensione in contanti presso gli uffici postali, il calendario sarà il seguente:

  • Sabato 1 giugno (solo mattina): Cognomi A-C
  • Lunedì 3 giugno: Cognomi D-K
  • Martedì 4 giugno: Cognomi L-P
  • Mercoledì 5 giugno: Cognomi Q-Z

Pagamenti tramite conto corrente bancario

Per i pensionati che hanno scelto l’accredito su conto corrente bancario, il pagamento avverrà lunedì 3 giugno 2024. Questa variazione è dovuta al fatto che le banche considerano giorni bancabili solo quelli dal lunedì al venerdì.

Controllo dell’importo e delle date di accredito

I pensionati possono verificare in anticipo le date di accredito e gli importi delle pensioni accedendo alla sezione “Servizio: Cedolino di pensione e servizi collegati” sul sito dell’INPS. È necessario avere il codice fiscale, lo SPID, la carta nazionale dei servizi o la carta di identità elettronica per accedere all’area personale. Una volta dentro, cliccando su “Vuoi visualizzare il cedolino”, sarà possibile vedere l’importo e la data di esigibilità. Inoltre, è possibile visualizzare i cedolini dei mesi passati cliccando su “Verifica Pagamenti”.

Possibili aumenti degli importi delle pensioni

Rivalutazione del 5,4%

A partire da gennaio 2024, è stata applicata una rivalutazione del 5,4% alle pensioni. Per alcuni pensionati, ciò ha comportato un aumento significativo del rateo mensile. Questo aumento continuerà a riflettersi anche nel mese di giugno 2024, e potrebbe includere arretrati per chi non li ha ancora ricevuti.

Taglio del cuneo fiscale

Un’altra novità rilevante riguarda il taglio del cuneo fiscale introdotto dal governo Meloni in collaborazione con l’INPS. Questo provvedimento prevede una riduzione dell’aliquota IRPEF dal 25% al 23% per i pensionati con un reddito annuo compreso tra 15.001 e 28.000 euro. Questa riduzione comporta un risparmio fiscale di circa il 2%, che si traduce in un aumento netto del rateo pensionistico mensile compreso tra 12 e 20 euro.

Leggi anche: Come risparmiare al massimo: la guida completa al budget a zero euro

Leggi anche...