Tutele graduali: risparmi sulle bollette di luce e gas con il passaggio al mercato libero

Con l’implementazione del servizio a “Tutele Graduali”, molti consumatori italiani si stanno chiedendo quanto sia possibile risparmiare sulle bollette di luce e gas. Questo nuovo servizio è stato predisposto dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) per facilitare il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero dell’energia elettrica. Ma quali sono i dettagli di questa transizione e, soprattutto, quanto si può realmente risparmiare? In questo articolo esploreremo il funzionamento del servizio a tutele graduali e i potenziali vantaggi economici per i consumatori.

Cos’è il servizio a tutele graduali?

Il servizio a “Tutele Graduali” è una misura transitoria che mira a guidare i consumatori non vulnerabili dal mercato tutelato al mercato libero dell’energia elettrica. A partire dal 1° luglio 2024, i clienti che non avranno ancora effettuato una scelta tra gli operatori del mercato libero verranno automaticamente inseriti in questo nuovo regime.

Il ruolo dell’ARERA

L’ARERA ha il compito di regolamentare e vigilare sul mercato dell’energia, garantendo che la transizione sia il più trasparente e vantaggiosa possibile per i consumatori. Secondo Stefano Besseghini, presidente dell’ARERA, il servizio a tutele graduali offrirà condizioni economiche favorevoli, sfruttando una struttura di prezzo composta principalmente da due elementi:

  1. Pun ex post: Una componente che copre i costi di approvvigionamento di energia, calcolata sulla base della media dei prezzi all’ingrosso del mese precedente.
  2. Parametro gamma: Un valore destinato a coprire i costi di commercializzazione, definito dalle offerte degli operatori di mercato.

Come funziona

Il passaggio al servizio a tutele graduali è automatico per tutti i consumatori non vulnerabili che non hanno scelto un fornitore del mercato libero entro il 1° luglio 2024. Questo sistema è progettato per offrire una transizione senza soluzione di continuità, garantendo al contempo tariffe competitive e trasparenti.

Componenti del prezzo

La struttura del prezzo nel servizio a tutele graduali prevede due componenti principali:

  • Pun ex post: Questo componente riflette i costi di approvvigionamento dell’energia, basandosi sulla media dei prezzi all’ingrosso del mese precedente. Questo metodo di calcolo assicura che i prezzi siano allineati alle condizioni del mercato all’ingrosso, potenzialmente più vantaggiose rispetto alle tariffe fisse del mercato tutelato.
  • Parametro gamma: Destinato a coprire i costi di commercializzazione, questo parametro viene determinato attraverso una media ponderata basata sul numero di clienti in tutela nelle diverse zone. Ad oggi, è stimato in 73 euro negativi, suggerendo un potenziale risparmio per i consumatori.

Quanto si risparmia

Uno degli aspetti più interessanti del passaggio al servizio a tutele graduali è il potenziale risparmio sulle bollette. Secondo le stime di Stefano Besseghini, il risparmio per i clienti in tutela graduale rispetto a quelli in tutela può essere significativo.

Risparmio previsto

Attualmente, la componente dei clienti in tutela vale circa 58 euro. Con l’introduzione del servizio a tutele graduali, si prevede un risparmio di circa 130 euro per cliente. Inoltre, l’ARERA propone di ridurre ulteriormente la componente a copertura dei costi di commercializzazione a 39 euro, portando il differenziale di risparmio a circa 110 euro.

Comunicazione e familiarizzazione con il nuovo sistema

Nei prossimi mesi, l’ARERA provvederà a inserire gradualmente informazioni all’interno delle bollette della luce, con l’obiettivo di familiarizzare i clienti con il nuovo meccanismo. Questo processo di comunicazione sarà essenziale per assicurare che i consumatori comprendano appieno le nuove dinamiche tariffarie e i benefici potenziali del passaggio al servizio a tutele graduali.

Clienti vulnerabili: cosa cambia?

Mentre i clienti non vulnerabili verranno automaticamente inseriti nel servizio a tutele graduali, i clienti vulnerabili – che includono over 75, percettori di bonus bollette per disagio economico o fisico, utenti di isole minori non interconnesse e altri – rimarranno nel mercato tutelato per il momento.

Futuro passaggio al mercato libero

Anche per i clienti vulnerabili è previsto un futuro passaggio al mercato libero, ma con un servizio specifico di vulnerabilità. Questo cambiamento dovrebbe avvenire nel primo trimestre del 2025, permettendo agli operatori di mercato di prepararsi adeguatamente e ai clienti di adattarsi gradualmente al nuovo sistema.

Tipologie di clienti nel mercato dell’energia

Per comprendere meglio la composizione della clientela nel mercato dell’energia, è utile distinguere tra le diverse categorie di consumatori:

  1. Consumatori in tutela vulnerabili: Continuano a essere serviti dal servizio di tutela, senza necessità di intervento da parte loro.
  2. Consumatori in tutela non vulnerabili: Verranno trasferiti al servizio a tutela graduale se non effettuano una scelta tra gli operatori del mercato.
  3. Consumatori nel mercato libero vulnerabili: Possono rimanere con il loro fornitore attuale o rientrare nel servizio di tutela/vulnerabilità in qualsiasi momento, anche dopo il 1° luglio.
  4. Consumatori nel mercato libero non vulnerabili: Possono continuare a essere serviti dal loro fornitore attuale, con la possibilità di passare al servizio di maggior tutela solo fino al 1° luglio.

Vantaggi del mercato libero

Il passaggio al mercato libero presenta diversi vantaggi per i consumatori, tra cui una maggiore varietà di offerte e la possibilità di scegliere il fornitore che meglio si adatta alle proprie esigenze. Le tariffe nel mercato libero possono essere più competitive rispetto a quelle del mercato tutelato, offrendo opportunità di risparmio significative.

Concorrenza e innovazione

L’apertura del mercato dell’energia alla concorrenza incoraggia gli operatori a innovare e a migliorare i propri servizi. Questo può tradursi in offerte più vantaggiose, servizi aggiuntivi come l’assistenza clienti avanzata e soluzioni energetiche personalizzate.

Flessibilità e trasparenza

Il mercato libero offre maggiore flessibilità ai consumatori, permettendo loro di cambiare fornitore senza costi aggiuntivi o interruzioni del servizio. Inoltre, la trasparenza delle tariffe e delle condizioni contrattuali è migliorata, facilitando il confronto tra le diverse offerte disponibili.

Sfide e considerazioni

Nonostante i vantaggi, il passaggio al mercato libero e al servizio a tutele graduali presenta alcune sfide. È importante che i consumatori siano ben informati e consapevoli delle proprie opzioni per evitare decisioni affrettate o poco ponderate.

Informazione e educazione del consumatore

L’educazione del consumatore gioca un ruolo cruciale in questa transizione. È essenziale che le informazioni fornite siano chiare, accurate e accessibili a tutti. L’ARERA, insieme agli operatori di mercato, deve impegnarsi a diffondere conoscenze e strumenti utili per aiutare i consumatori a prendere decisioni informate.

Monitoraggio e regolamentazione

L’ARERA continuerà a monitorare attentamente il mercato per garantire che gli operatori rispettino le norme e che i consumatori non siano svantaggiati. La regolamentazione deve rimanere flessibile per adattarsi alle evoluzioni del mercato e rispondere rapidamente a eventuali criticità.

Leggi anche: Richiesta di maggiori bonus edilizi per zone sismiche dopo le scosse ai campi flegrei

Leggi anche...