Bonus matrimonio 2024: una proposta di legge in discussione

Negli ultimi anni, il tema del sostegno alle giovani coppie è diventato sempre più centrale nell’agenda politica. Alla luce di ciò, la proposta di reintrodurre il bonus matrimonio per il 2024 è un argomento di grande interesse e discussione. In questo articolo, esploreremo i dettagli della proposta di legge in discussione alla Camera dei Deputati, delineando chi potrebbe beneficiarne e come funzionerebbe questo incentivo.

Il contesto della proposta di legge

La proposta di legge, presentata per la prima volta nell’ottobre del 2022, propone il ritorno del bonus matrimonio per il 2024. Questo provvedimento mira a fornire un sostegno economico alle coppie under 35, agevolando le spese legate alla celebrazione del matrimonio, specialmente quelle relative alle unioni religiose.

L’obiettivo principale del bonus matrimonio è quello di incentivare le giovani coppie a optare per il matrimonio con rito religioso, offrendo loro un sollievo finanziario e promuovendo così l’importanza delle cerimonie religiose nell’ambito delle unioni.

Chi potrebbe beneficiare del bonus matrimonio?

Secondo le disposizioni preliminari della proposta di legge, il bonus matrimonio sarebbe rivolto alle coppie under 35 che intendono celebrare il loro matrimonio con rito religioso. Tuttavia, alcuni requisiti potrebbero essere applicati per accedere a questo beneficio:

  • Cittadinanza italiana da almeno 10 anni.
  • Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 23.000 euro a coppia o 11.500 euro a persona, basato sul reddito dichiarato nell’anno precedente.

Rispettati questi requisiti, le coppie avrebbero diritto a una detrazione sull’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (IRPEF) dovuta. La detrazione, pari al 20%, sarebbe calcolata sull’importo massimo di 20.000 euro, da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo.

Spese detraibili

Le spese detraibili comprendono una serie di voci legate all’organizzazione del matrimonio. Tra queste, possiamo includere:

  • La passatoia e i libretti.
  • L’addobbo floreale.
  • Gli abiti per gli sposi.
  • Il servizio di ristorazione.
  • Il servizio di acconciatura.
  • Il servizio fotografico.

Tuttavia, è importante notare che i pagamenti per queste spese devono essere effettuati utilizzando metodi tracciabili, escludendo quindi assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento non tracciabili.

Tempistica del bonus matrimonio

Sebbene la proposta di legge sia in discussione, è probabile che l’introduzione effettiva del bonus matrimonio potrebbe slittare al 2025, a condizione che ottenga il via libera da entrambi i rami del Parlamento.

In conclusione, il bonus matrimonio per il 2024 rappresenta un potenziale incentivo per le giovani coppie italiane, offrendo loro un sostegno finanziario nell’organizzazione delle loro cerimonie nuziali. Tuttavia, resta da vedere come evolverà la proposta di legge e quali saranno le eventuali modifiche apportate prima della sua approvazione definitiva.

Leggi anche: Quanto costa un posto auto condominiale? Guida completa e prezzi

TAG più visti

Leggi anche...